8 DICEMBRE: TORNANO I “FORCONI”, E STAVOLTA L’OBIETTIVO SARA’ DI BLOCCARE L’ITALIA INTERA. APPELLO A TUTTI I CITTADINI CHE VOGLIONO, PACIFICAMENTE, PROTESTARE CON EFFICACIA CONTRO QUESTA CLASSE POLITICA

 

QUESTO BLOG ADERISCE ALLA PROPOSTA DI ORGANIZZARE UNA GRANDE E POPOLARE MANIFESTAZIONE DI PROTESTA CHE DOVREBBE SVOLGERSI IN OGNI CITTA’ PER IL GIORNO 8 DICEMBRE 2013

CERCHEREMO OGNI GIORNO DI FORNIRE LE MAGGIORI INFORMAZIONI POSSIBILI IN MERITO. 

VI ANTICIPIAMO CHE LUNEDI’ SERA UNA DELEGAZIONE DI ORGANIZZATORI SARA’ OSPITE DELLA TRASMISSIONE “PIAZZA PULITA” IN ONDA DALLE ORE 21.10 SU LA7

«L’8 dicembre bloccheremo l’Italia». Tornano i Forconi alleati con il Nord

di LEONARDO FACCO

Dopo un primo abboccamento in quel di Latina, oggi è la giornata ufficiale per dare fuoco alle polveri. A Verona, si sono incontrati i rappresentanti di gruppi e movimenti che han scelto di dire basta con le chiacchiere, le lamentele, le petizioni: vogliono passare all’azione.

“Ci siamo ritrovati – racconta Mariano Ferro, leader dei “Forconi” siciliani – per far nascere un coordinamento che farà partire la ribellione, la rivolta capito? Dopo l’esperienza fatta in Sicilia, evitando di ricadere in alcuni errori di inesperienza commessi, siamo giunti alla conclusione che la rivolta è l’unica strada percorribile, non c’è altra alternativa”. Rivolta? In che senso? “L’8 dicembre prossimo, alle 22 in punto – spiega Ferro – bloccheremo l’Italia, dalla Sicilia fin su a Pordenone”.

Bloccare le strade potrebbe creare qualche disagio però, non crede? “Può darsi che creeremo qualche disagio alla popolazione, ma l’unica arma che abbiamo è il popolo che, come accaduto in Sicilia, è sceso con noi per le strade e ci ha sostenuto. Bene, oggi, faremo di più, molto di più. Nel dettaglio dell’azione che porteremo a termine ci stiamo ragionando, ne daremo notizia nei giorni prossimi. Ci diranno che non è legale? Beh, quello che sta facendo lo Stato italiano a tutti noi le pare legale? Qui c’è gente che si uccide, non ce la fa ad andare avanti, gli viene pignorata la casa dopo 50 anni di lavoro, viene massacrata di tasse, le pare regolare tutto questo”?

Stanno lavorando ad un volantino, che sarà divulgato ufficialmente quando sarà pronto(quello in foto è solo una bozza). Il coordinamento avrà un responsabile che si occuperà di comunicazione. Già oggi, però, le idee sono chiarissime: “Noi contiamo con il sostegno della gente – ribadisce Mariano Ferro – , di chi lavora e produce, studia, della gente comune, di chi non ce la fa più per mille motivi legati alle pretese di questo Stato vergognoso, di questo modello di Europa burocratica. L’8 dicembre sarà solo l’inizio e non si tornerà più indietro”.

E quali sono le vostre richieste, cosa volete? Cosa direte a chi l’8 dicembre vi si presenterà scortato dalle Forze dell’ordine? “Lo diremo solo quando saranno in ginocchio – afferma il leader dei Forconi – non iniziamo questa rivolta, perché di rivolta si tratta, glielo ripeto, per ottenere un tozzo di pane. Mancano 35 giorni alla data prescelta, il coordinamento si allargherà anche ad altri soggetti, rigorosamente apartitici, nessuna bandiera di forze politiche o sindacato è ammessa. Questo paese così com’è non va. Adesso, la pazienza è finita, finita”.

ECCO CHI FA PARTE DEL COORDINAMENTO CHE HA PRESO VITA A VERONA

Lucio Chiavegato, presidente Life; Mariano Ferro, Presidente de “I Forconi” (Sicilia); Giorgio Bissoli, Azione rurale; Augusto Zaccardelli, Segr. naz. Movimento autonomo trasportatori (Frosinone); Umberto Gobbi, NVPP (Non vogliamo più pagare); Paolo Bini, Italia celtica; Eugenio Rigodanzo, Cobas latte veneto; Franco Paoletti, Cobas latte di Pordenone; Danilo Giovanni, Presidente del CRA Diglita sociale (Lazio), Salvatore Bella, presidente Aitras Ass. Naz. trasporti (Campobello di Licata AG).

————————————————————-

L’APPELLO DI LUCIO CHIAVEGATO, PRESIDENTE “LIFE” VENETO, PUBBLICATO SULLA SUA PAGINA FACEBOOK

Non partiti, non movimenti separati, nessuna divisione. Avete conti in sospeso con qualcuno? Vecchie paranoie e dissapori? Invidie e gelosie varie? Lui si l’altro no? Lui mi ha parlato male 3 anni fa? Mi ha fatto uno sgarro e non posso? BENE.
Ritroviamoci UNITI sotto un solo motivo. ABBATTERE QUESTO STATO CORROTTO, LADRO E MAFIOSO. Poi ognuno con le sue sigle, movimenti e fan club, Staccate le mani dalla tastiera e fate vedere se le vostre parole valgono almeno il 10% di ciò che dite in internet. E’ ORA DI FARE. Ognuno con le proprie convinzioni politiche, indipendentiste, federaliste, autonomiste. Ritroviamoci sotto un’unica meta da raggiungere. SE NON ORA MAI PIU’. Quindi non venite a lagnarvi da me delle vostre dispute interne. Ora abbiamo la possibilità di realizzare l’unica cosa che DEVE essere fatta. MANDARLI A CASA TUTTI e DELEGITTIMARE QUESTI LADRI. Come? Presto sarete informati, presto una conferenza stampa. Ripeto, il tempo delle analisi economiche è finito. Ora dobbiamo abbattere la bestia.
Ci siete o no? Questo vogliamo sapere. Le invidie, le beghe, i rancori mettiamoli da parte. SIAMO LA MAGGIORANZA CHE MANTIENE UNA MINORANZA DI PARASSITI. Abbiamo 40 gg di tempo per diffondere il messaggio a tutti. Scuse non ce ne sono più.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

https://www.facebook.com/pages/Politici-che-non-hanno-MAI-lavorato-ELENCO-UFFICIALE-MANDIAMOLI-A-CASA/274354875910343

FONTE:

http://www.lindipendenza.com/%C2%ABl8-dicembre-bloccheremo-litalia%C2%BB-tornano-i-forconi-alleati-con-il-nord/

 

15 pensieri su “8 DICEMBRE: TORNANO I “FORCONI”, E STAVOLTA L’OBIETTIVO SARA’ DI BLOCCARE L’ITALIA INTERA. APPELLO A TUTTI I CITTADINI CHE VOGLIONO, PACIFICAMENTE, PROTESTARE CON EFFICACIA CONTRO QUESTA CLASSE POLITICA

  1. sono pienamente d’accordo bisogna farsi sentire pero ….non e meglio farsi sentire
    quanto si va a votare ….tipo consegnare le tessere elettorali o meglio
    bruciarli….. e poi sedersi e ragionare del da farsi ? spero solo che non si crei più danno…..per la nostra terra…..

  2. E’ ora di agire, la casta e’ stata sorda e continua ad esserlo. La pazienza di sopportare questi ladri e’ terminata e tutti quei codardi che continuano a dare il loro falso appoggio attraverso lamenti cacciassero una volta nella vita gli attibbuti aderendo alla manifestazione.

  3. e’ ora di muoversi basta aspettare e sperare che qualche altro stronzo ci tolga le castagne dal fuoco. E’ ORA DI SCOTTARCI!! se vogliamo dare un futuro a questo nostro amato Paese e ai nostri figli .

  4. DAI CA..O MANDIAMOLI VIA NON FACCIAMO PIù RUBARE I NOSTRI SOLDI BASTA FARCI COMANDARE DA CHI A CONFRONTO A NOI E’ NIENTE MISCHIATO CON NULLA. L’8 DICEMBRE CI SARO’ ANCHE IO DAI FACCIAMO SCOPPIA NA GUERRA….RIVOLUZIONIAMO L’ITALIA DEI CORROTTI DEI POLITICI INFAMI E DI GENTE MENEFREGHISTA….

  5. benissimo avanti con i forconi e se non bastasse avanti con le pallottole perche e ora di dire basta a questi infami di governanti e politici che ci prendono quotidianamente per il culo , fuori dall’euro subbito perche ci uccide tutti , fuori dall’europa subbito perche e una dittatura monetaria e politica , arresto immediato per il pressidente della repubblica giorgio napolitano per alto tradimento alla nazione ed arresto immediato per i politici collusi e indagati . moras gabriele

  6. Ma quale pacifica e pacifica la gente muore di fame bisogna scendere armati e rompere il culo a chi ci sta facendo muorire di fame…rivoluzioneeeee potere al popolo

  7. Penso che sia u diritto, e oggi un dovere, protestare contro questa classe politica che ci opprime e soffoca con tasse, oneri, imposte ed ogni altra cosa che faccia comodo aggiungere a noi italiani che lavoriamo tutti i giorni con fatica e sacrifici, per poi vedere LORO che sguazzano in agevolazioni di ogni tipo. Organizziamoci anche noi è ora di cambiare.

  8. facciamo come l’islanda mandiamoli tutti a casa chi a fatto il debito lo paghi anche perche non cio piu un’euro. si riscrive la costituzione a caccia di politici la parola palitica deve scomparire per sempre fuori dall’ euro moneta sovrana banche nazzionalizzate banchieri arrestati politi arrestati e privati di tutto quello che hanno. io ci saro era ora .

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>